Bastone Bashada (Hamer o Karo) - Valle dell'Omo - Etiopia

Bastone da Pastore Bashada/Hamer/Karo oggetto inseparabile per gli uomini di queste etnie dell'Omo River

legno + gomma - cm 128 - PATINA PROFONDISSIMA

 

Segue piccola Biografia:

Oltre a un bastone, una frusta è un attributo essenziale di un pastore per tenere insieme il gregge e guidarlo nella direzione desiderata. A seconda della disponibilità, le fruste nella bassa valle dell'Omo sono fatte di pelle di bufalo o ippopotamo. Sono costituiti da un pezzo di pelle e si restringono verso la punta. In alcuni modelli un pezzo di legno è incorporato nel manico e la guglia è costituita da una parte piatta; altri modelli ancora sono realizzati con un pezzo di legno a cui è attaccata una robusta corda in fibra. Quest'ultimo modello è utilizzato principalmente dai gruppi che lavorano la terra con il bue e l'aratro. Alanga, il nome omotico per la frusta di cuoio, è preso in prestito dall'amarico.

Nella maggior parte dei gruppi, un ragazzo riceve la sua prima frusta da suo padre; in questo modo il padre rende pubblicamente noto che il ragazzo ha il diritto di usare la frusta. Più tardi, i giovani fanno le loro fruste quando, insieme ad alcuni amici, riescono a uccidere un bufalo o un ippopotamo durante una caccia. La pelle viene appannata e messa a terra durante la notte per renderla elastica. Successivamente dovrebbe essere spalmata regolarmente di burro per mantenerla elastica. Un abile pastore combina voci, gesti e fruste per tenere insieme il gregge. Poiché una frusta produce suoni diversi a seconda della forza e dell'intensità del colpo, nonché della superficie su cui si trova il terreno, i rami, l'erba, ...). la frusta non è solo l'estensione del braccio del pastore ma anche della sua voce.

I gruppi Omotici (Bashada, Hamer e Karo) usano la parola e la frusta per esercitare la loro autorità non solo verso il bestiame ma anche verso l'ambiente circostante. Ad esempio, i giovani uomini usano la frusta di cuoio per controllare le sorelle più giovani, mentre gli uomini sposati a volte usano la frusta di cuoio per colpire, o almeno minacciare, le loro mogli. Le donne appena sposate in particolare vengono rimproverate in questo modo. Uomini Bashada camminando con la loro frusta alanga, mi mostrano per indicare che si sono recentemente (o si sono) sposati. Ci si aspetta che gli uomini lavorino duramente per la sottomissione del coniuge, soprattutto nel periodo tra il matrimonio e il momento in cui la donna dà alla luce il suo secondo figlio. In seguito, le controversie tra i due andrebbero a calmarsi. I popoli dell'Omo vedono il rimprovero fisico come un male necessario per correggere il comportamento di una donna. In realtà colpire con una frusta è ovviamente il modo più rigoroso di agire ed è visto come una continuazione logica di un rimprovero verbale. Ciò significa che anche qui, come nel caso del bestiame da pastore, si richiama l'attenzione sulla relazione intrinseca tra il suono prodotto dalla frusta e la voce dell'uomo come strumento di esercizio dell'autorità. Allo stesso modo, gli uomini più anziani possono anche usare la frusta per punire i giovani in caso di un reato grave come il furto o la rottura di una tregua di pace senza il consenso degli anziani. Quando gli uomini vogliono rimproverare i giovani e non hanno una frusta di cuoio a portata di mano, spesso usano lunghi ramoscelli.

Il “Twig thrashing” avviene in un contesto rituale, durante l'annuale festa del raccolto in cui uomini adulti inseguono i giovani più impegnativi e li conquistano con le fruste di ramoscello. Durante la fase finale del noto rito di passaggio del salto del bestiame tra i popoli Omotici, le giovani donne entrano in trance e sfidano gli uomini precedentemente iniziati a picchiarli tra il pubblico con ramoscelli, lasciando profonde cicatrici sul dorso del donne. L'uso della frusta per soggiogare le donne non deve essere interpretato come una forma di erotismo sadomasochistico: è piuttosto un gioco di potere in cui l'uomo mette in mostra il suo ruolo superiore e la sua responsabilità, mentre in sostanza è la donna che domina attraverso l'illusione dell'uomo. indicare che sta monitorando la situazione.

Per il Daasanetch e il Nyangatom, la frusta di cuoio viene utilizzata principalmente per mandare il bestiame o per mettersi in mostra e, in misura minore, come mezzo per intimidire i mariti o gli uomini più giovani.

 

Bibliografia Strecker 1976 ms., 1993 Verswijver (note sul campo) Poissonnier 2000 ms.

 

 

 

Codice COL031
Prezzo 75 €
Disponibilità0 (al momento non è possibile acquistare questo articolo)